Lovion OUTAGE Gestione dei guasti

Screenshot mit Features

Gestione dei guasti con Lovion OUTAGE

Ricezione della segnalazione

Il workflow di un gestore di rete in caso di anomalia/guasto inizia p.es. con la chiamata telefonica di un cliente finale alla sala di controllo o al call center. I fattori importanti per l’acquisizione della segnalazione nell’ambito di una soluzione software sono la disponibilità al 100% del software e l’inserimento semplice e rapido dei dati forniti in sede di segnalazione. Il requisito della disponibilità permanente è soddisfatto da Lovion OUTAGE in quanto la prima registrazione dei guasti viene effettuata in Lovion BIS che dispone di meccanismi specifici per gli scenari di questo tipo. Se necessario, il sistema potrebbe anche continuare a funzionare in una rete completamente autarchica. L’inserimento semplice e rapido della segnalazione di guasto e quindi la tempestiva evasione sono garantiti grazie a maschere di inserimento intuitive.

Prozess Störung

Documentazione di un’anomalia/un guasto

Lovion OUTAGE prevede anche la possibilità di un semplice rilevamento di guasti in regime di mobilità, cioè sul posto, o dell’inserimento di dati storici relativi ai guasti da documentazione cartacea in modo indipendente dai dati territoriali. La sincronizzazione delle informazioni tra i dati inseriti offline e la banca dati centrale Lovion OUTAGE viene effettuata in presenza della condizione di disponibilità dei dati e cioè periodicamente in presenza della connessione alla rete o su comando dell’utente. La documentazione del guasto viene effettuata in modo centralizzato tramite il menù principale che prevede la visualizzazione permanente di un elenco di tutti i guasti attualmente presenti dal quale risulta anche lo stato attuale delle rispettive segnalazioni. Il modulo di inserimento di Lovion OUTAGE consente la ricezione e la gestione delle segnalazioni di anomalia/guasto basate sul ruolo dell’operatore. L’utente dispone di ampie funzioni ausiliarie di supporto all’inserimento. Cliccando p.es. la prima volta il mouse, i campi relativi al settore, alla tipologia ed all’ora dell’inserimento della segnalazione vengono compilati in automatico.

Interazione con la grafica

Dopo aver inserito l’indirizzo nei campi di navigazione, anche questi dati vengono implementati ed in corrispondenza dell’indirizzo nella cartografia viene inserito automaticamente un cerchio. Tramite una ricerca in una zona circostante e la selezione del rispettivo settore viene visualizzato, cliccando il mouse, la relativa cartografia con la località e tutte le anomalie rilevate nella rispettiva zona e nel rispettivo settore. Il rilevamento di un guasto della rete di gas prevede un checklist relativo alla segnalazione di odore di gas con il quale viene gestita la procedura da seguire con le istruzioni da impartire alla persona che segnala il guasto. La fase successiva prevede l’inserimento delle ulteriori informazioni fornite dall’utente finale chiamante. L’entità delle informazioni da inserire e dell’ulteriore documentazione dell’anomalia è ovviamente basata sui cataloghi prescritti dall’autorità nazionale (in Germania la BNA) e dalle associazioni settoriali (DVGW, AGFW, FNN, BDEW per la Germania) per la descrizione delle interruzioni del servizio.

Soluzione delle anomalie/dei guasti

Dopo la chiamata telefonica di segnalazione viene avviato l’intervento di soluzione sul posto che sarà documentato con Lovion OUTAGE. Oltre alle informazioni fornite dall’utente finale chiamante è possibile trasmettere al personale che interviene ulteriori informazioni risultanti dagli elaborati grafici visualizzati, p.es. in relazione alle località ed ai mezzi d’esercizio interessati. Inserendo l’unità organizzativa competente, la responsabilità del processo viene demandata, cioè la segnalazione passa al livello successivo nel workflow. Gli eventuali materiali e/o i lavori di sterro e/o di montaggio necessari per l’intervento di soluzione possono essere gestiti tramite il rispettivo ordine in Lovion OUTAGE. Se è disponibile l’interfaccia con il software commerciale, p.es. tramite Lovion ERP CONNECT, i dati possono anche essere interconnessi direttamente.

Documentazione dell’anomalia/del guasto

Alla conclusione delle operazioni di soluzione è possibile inserire le informazioni relative alla causa dell’anomalia, alla sua entità ed alla sua durata. I dati registrati corrispondono a quelli richiesti dalle associazioni settoriali ed il loro inserimento è il più semplice possibile. I cataloghi per la rispettiva selezione sono filtrati nel contesto in modo tale da ridurre al minimo il rischio di inserimento di dati errati. È inoltre possibile inserire note di testo libere. Solitamente la posizione geografica esatta dell’anomalia è nota solo a questo punto e, impostando la posizione, l’oggetto bidimensionale diventa un simbolo e viene realizzato il collegamento con i mezzi d’esercizio. A partire da questo momento tali dati sono inclusi nella segnalazione di anomalia.

Determinazione dell’entità del guasto

In caso di interruzioni del servizio il parametro per il servizio interrotto e l’energia non fornita nei tempi richiesti può essere determinato con Lovion OUTAGE in modo interattivo per ciascun livello di tensione o di pressione. È anche possibile simulare la ripresa del servizio in più momenti differiti con rilevamento e documentazione dei rispettivi dati. Tramite la selezione territoriale con definizione di linea ausiliare o rintracciamento della rete è possibile determinare i clienti finali che hanno subìto l’interruzione o le potenze nominali apparenti interessate dalla disfunzione. Inserendo i relativi tempi dell’interruzione viene subito calcolato il parametro che insieme al dettaglio della soluzione dell’anomalia viene memorizzato automaticamente in un report dell’anomalia in formato PDF.

Gestione per la qualità

Dopo la determinazione dell’entità è previsto nel workflow l’inoltro della pratica di guasto alla funzione qualità che verifica la plausibilità e la completezza dei dati inseriti e chiude la documentazione. La conclusione della pratica da parte della funzione qualità viene segnalata all’interno di Lovion OUTAGE con un simbolo verde in modo tale che il rispettivo stato risulti direttamente dall’elenco generale delle segnalazioni.

Reportistica

Lovion OUTAGE consente di generare report standard (per l’autorità e le associazioni, per la Germania BNA, FNN, DVGW) (per l’Italia la AEEGSI) e report giornalieri, settimanali e trimestrali con preparazione dei dati nel formato necessario per il servizio web XML dell’autorità BNA nonché con la determinazione della qualità del servizio. Il risultato viene riportato direttamente nella lista ovvero rappresentato sotto forma di diagramma e può essere trasmesso p.es. a Microsoft Excel. Oltre alla reportistica il sistema consente anche la determinazione della qualità del servizio. A tale scopo vengono calcolati i rispettivi parametri (SAIFI, SAIDI e CAIDI) relativi all’affidabilità della fornitura.

Frequenza delle interruzioni H u (SAIFI): il parametro misura la frequenza media delle interruzioni del servizio subìte dal singolo utente nell’arco di un anno.

Durata delle interruzioni T u (CAIDI): il parametro misura la durata media dell’interruzione del servizio reso ad un utente.

Q u (SAIDI) non disponibilità: il parametro è costituito dal prodotto della frequenza e della durata delle interruzioni e misura la probabilità con cui l’utente subisce un’interruzione del servizio in un momento qualsiasi ovvero la durata complessiva media delle interruzioni del servizio subìte dal singolo utente nell’arco di un anno.

Tempo max. medio di ripresa del servizio: il tempo massimo medio di ripresa del servizio indica il tempo medio che in caso di anomalie comportanti l’interruzione del servizio è stato necessario per ripristinare completamente il servizio a tutti gli utenti interessati dall’interruzione.

Altri parametri: gli altri dati statistici quali p.es. i parametri relativi all’affidabilità della fornitura vengono calcolati e considerati da Lovion OUTAGE sulla base degli indici IEEE 1366 stabiliti dal gruppo internazionale di esperti UNIPEDE DISQUAL.

Materiale illustrativo